La gestione prospettica del rischio clinico nei Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali: L’applicazione della Failure Mode and Effect Analysis (FMEA)2018-03-29T17:16:19+00:00
Strategia e gestione del rischio clinico nelle organizzazioni sanitarie Approcci, modalità, strumenti e risultati
Scarica l’estratto

Gli autori

  • Massimo Farina Amministratore dello Studio EmmEffe S.r.l. – Ha oltre venti anni di esperienza nell’ambito dell’organizzazione sanitaria, coordina ed opera in significativi progetti di consulenza e formazione nell’area dei processi organizzativi, dei percorsi diagnostico terapeutico assistenziali e di gestione del rischio. È impegnato in numerosi progetti presso aziende sanitarie, socio-sanitarie e sociali, società scientifiche a livello Nazionale, sviluppati in alcuni casi anche in partnership pubblico privato con le istituzioni regionali.

  • Monica Canciani Consulente di Direzione – Opera da più di dieci anni in diversi significativi progetti di consulenza di direzione e formazione, con particolare interesse all’ambito sanitario pubblico e privato attraverso lo sviluppo e implementazione di sistemi di gestione e modelli organizzativi finalizzati alla mappatura e gestione del rischio.

  • Gianni De Paoli Consulente di Direzione – Opera da più di dieci anni in diversi significativi progetti di consulenza di direzione e formazione, con particolare interesse all’ambito sanitario pubblico e privato attraverso lo sviluppo e implementazione di sistemi di gestione e modelli organizzativi finalizzati alla mappatura e gestione del rischio. È Project Manager Certificato PMI.

  • Giancarlo Bizzarri Dopo aver sviluppato un’esperienza ventennale nell’ambito della consulenza di direzione presso le principali aziende sanitarie, socio-sanitarie e sociali, Agenzie Regionali a livello Nazionale, ha ricoperto il ruolo di Direttore di Dipartimento e Direttore della Programmazione e Controllo di Gestione della Azienda ULSS 9 di Treviso. Oggi opera come consulente e formatore coordinando significativi progetti di riorganizzazione, revisione dei processi e sviluppo delle competenze nell’ambito della sanità.

La gestione prospettica del rischio clinico nei Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali: L’applicazione della Failure Mode and Effect Analysis (FMEA)

Edizione Studio Emmeffe Srl – 2018
Farina M., Canciani M., De Paoli G., Bizzarri G.

Il manuale è strutturato in cinque capitoli che guidano all’applicazione pratica della FMEA nell’ambito dei Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali.

Il primo capitolo introduce le logiche del rischio e dei percorsi come strumenti di governance, presenta una sintetica panoramica sui modelli di rete clinica ambito di sviluppo dei percorsi.

Il secondo introduce la strategia aziendale e la gestione strategica del rischio con riferimento ai piani triennali ed annuali, sino ad un esempio di piano di gestione del rischio clinico con riferimento agli obiettivi di budget.

Il terzo delinea il processo aziendale di gestione del rischio clinico e fornisce un quadro sinottico degli  strumenti retrospettivi e prospettici per la gestione del rischio clinico ed introduce la FMEA.

Il quarto riporta le origini della FMEA come strumento di lavoro di diversi modelli tecnico-organizzativi di rilievo internazionale e fornisce una visione d’insieme delle caratteristiche dello strumento

Il quinto descrive l’approccio metodologico della FMEA per le sue diverse fasi: identificazione del percorso critico, studio del percorso,  analisi dei rischi, piani di contenimento e monitoraggio.

Gli esempi applicativi della FMEA – Failure Mode and Effect Analysis sono relativi alla gestione del rischio clinico nel PDTA del paziente con cancro della mammella implementato presso l’ASL di Biella.

La finalità del manuale è quella di fornire un supporto pratico ed operativo nell’applicazione della FMEA, utile a tutto personale sanitario interessato nella gestione dei PDTA.

La pubblicazione ha il patrocinio del Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri (CIPOMO) e l’edizione è stata realizzata con il contributo incondizionato di Novartis S.p.A.